Stai cercando degli esercizi sul training autogeno? Vuoi sapere cosa fare esattamente per ricevere tutti i benefici di questa disciplina nella tua vita? 

Il training autogeno venne creato da uno psichiatra tedesco di nome Johannes Heinrich Schultz con lo scopo di generare un profondo rilassamento psicofisico nelle persone. 

Il training autogeno è una tecnica di rilassamento che viene oramai utilizzata da diversi anni nella psicoterapia per  aiutare a gestire, principalmente, l’emozioni negative, l’ansia e lo stress delle persone.  

In questo articolo trovi gli esercizi fondamentali del training autogeno e la relativa descrizione di come metterli in pratica.

training autogeno esercizi

Questa disciplina basa il suo funzionamento su un concetto molto semplice che afferma:” la mente e il corpo sono collegati”. Questo implica che agire su uno di questi elementi, crea un effetto anche sull’altro. 

Il training autogeno è stato creato partendo da forti basi scientifiche, infatti esiste una numerosa letteratura scientifica in merito. 

In varie discipline psicologiche viene utilizzata spesso per aiutare i pazienti a migliorare nel gestire le loro emozioni con successo.

Gli esercizi del training autogeno si dividono in:

  • Basilari (sono 2 esercizi)
  • Complementari (sono 4 esercizi)

E sono indicati sopratutto per chi: 

  • Vuole imparare a gestire lo stress
  • Desidera rilassarsi 
  • Vuole apprendere un metodo per rimanere calmo 
  • Desidera imparare a gestire meglio le proprie emozioni negative 

Rispettivamente la sequenza degli esercizi serve per

  1. Indurre uno stato di rilassamento nel corpo
  2. Aumentare l’ossigenazione del sangue
  3. Regolarizzare il battito cardiaco
  4. Regolarizzare la respirazione
  5. Portare benessere ai vari organi interni (stomaco, fegato ecc…)
  6. Rilassare la mente

Vediamo singolarmente gli esercizi che compongono la sequenza standard.  

Prima però ti consiglio di scaricare la guida per diventare più felici. Contiene 4 strategie collaudate che ti permetteranno di vivere nella gioia. Puoi scaricarla iscrivendoti alla newsletter. 

[wysija_form id=”2″]


Training Autogeno Esercizi 

La sequenza completa prevede che si svolgano prima gli esercizi basilari e subito dopo quelli complementari in ogni sessione. 

Ecco gli esercizi basilari: 

1- Esercizio della pesantezza 

Serve per creare uno stato generale di profondo rilassamento e permette di sciogliere tutte le tensioni muscolari. 

Per svolgere questo esercizio devi analizzare ogni area del tuo corpo, dalla testa fino ai piedi e rilassarla. Per ogni zona del corpo bisogna ripetersi per 6 volte che quell’area è pesante.

Ecco un esempio: 

Ti concentri sulle tue braccia e ripeti sei volte ”  Le mie braccia sono pesanti” e poi ti ripeti mentalmente “sono calmo”.

Questo tipo di esercizio bisogna svolgerlo per tutte le parti del corpo più importanti come: la testa, il petto, le braccia e le gambe. Se poi vuoi raggiungere uno stato di rilassamento ancora più profondo puoi concentrarti sul togliere le tensioni anche delle altre aree del corpo. 

Questa prima fase è fondamentale perciò assicurati di sentirti veramente rilassato prima di continuare. 

2- Esercizio del calore 

Come nell’esercizio precedente si controlla ogni area del corpo e ci si ripete per 6 volte che quella zona è calda. 

Esempio: ” Le mie braccia sono calde” e poi dì a te stesso “sono completamente calmo”.

Dopo che si avrà sviluppato una certa dimestichezza si può applicare questa sequenza per svolgere questo esercizio: 

Lo schema è:

  • “Le mie braccia sono calde” (da ripetere 6 volte)
  • Le mie gambe sono calde” (da ripetere per 6 volte)
  • “Il mio corpo è caldo” (da ripetere per 6 volte)

Poiché dalle indicazione del fondatore del training autogeno appare chiaro che la pratica da autodidatti viene sconsigliata( prima bisogna imparare a svolgerla correttamente)  per questo ti consiglio un ottimo videocorso creato da una psicologa dove ti spiega esattamente, e nel dettaglio, cosa fare e quali errori evitare affinché la tua pratica sia davvero corretta. 

Importante: Impara tutto quello che ti serve sapere per muovere i tuoi primi passi nell’affascinante mondo del training autogeno. Grazie alle strategie più potenti di questa disciplina, migliorerai il tuo benessere psicofisico.

training autogeno corsi

In particolare imparerai:  

  • Quali sono i migliori esercizi e come si praticano correttamente
  • Quali sono le posture da adottare per ogni esercizio;
  • Come e per quanto tempo esercitarsi; 
  • Strategie pratiche per rilassare il tuo corpo; 
  • Come migliorare l’ossigenazione degli organi per avere più energia; 
  • Come gestire le tue emozioni negative
  • E molto altro ancora

Tutto questo grazie al “Corso di Training Autogeno Online


Invece gli esercizi complementari sono i seguenti. 

3- Esercizio del cuore 

In questo esercizio ad ogni inspirazione bisogna ripetere la frase: 

” Il mio cuore batte calmo e regolare” (da ripetere per 6 volte). 

Questa parte degli esercizi complementari aiuta a far dilatare i vasi sanguigni e quindi ogni organo del corpo riceve più ossigeno. 

La ripetizione di determinate frasi agisce influenzando anche l’inconscio è che più ricettivo alle istruzioni che gli vengono impartite per via dello stato di rilassamento che si è già raggiunto con gli esercizi basilari.

L’esercizio del cuore viene sconsigliato di praticarlo senza un esperto al proprio fianco, perché è l’unico che ha delle controindicazioni. Se non sei sicuro di poterlo svolgere, saltalo tranquillamente.

4- Esercizio del respiro 

Simile all’esercizio del cuore, adesso ci si focalizza sul proprio respiro e si ripete per sei volte la frase: 

“il mio respiro è calmo e regolare” 

In questa fase si raggiunge un profondo stato di rilassamento. 

Non bisogna commettere l’errore di focalizzarsi sul respiro e modificarlo coscientemente, ma dopo aver portato l’attenzione sul respiro ci si concentra sulla frase da ripetere. Ci penserà il corpo a cambiare (nella quantità necessaria) la respirazione. 

5- Esercizio del plesso solare 

In questa parte dell’esercizio di traning autogeno ci si concentra sul plesso solare (si trova nella parte addominale, sotto il diaframma) 

e si ripete per sei volte la frase: 

Il mio plesso solare è piacevolmente caldo 

Fare questo ha lo scopo di favorire il benessere di tutti gli organi interni (intestino, fegato, stomaco ecc…). Un modo per aiutarsi ad aumentare la sensazione piacevole che si crea con la ripetizione della frase che prevede l’esercizio, consiste nell’immaginarsi mentre si accarezza, con amore, ogni singolo organo. 

La visualizzazione aumenterà gli effetti prodotti dalla frase. 

6- Esercizio della fronte fresca

Quest’ultima fase prevede di ripetere per sei volte la frase: 

la mia fronte è fresca

Fare questo serve per portare il rilassamento anche alla testa. 

Questa è la sequenza del traning autogeno esercizi  che se svolti correttamente ti aiuteranno a sperimentare un profondo stato di rilassamento psicofisico. 

La sequenza va svolta dal primo fino all’ultimo esercizio. 

Se hai trovato utile questo articolo leggi anche: