Poesie sulla vita: quali sono le più belle? In questo articolo ho raccolto 10 poesie sulla vita da leggere e su cui riflettere. Qualche giorno fa avevo pubblicato la bellissima poesia sulla vita di Martha Medeiros:” Lentamente Muore“, che ti consiglio di leggere. 

Ecco a te, le dieci poesie sulla vita.

Poesie Sulla Vita 

poesie sulla vita

dieci poesie sulla vita

1- “Se”, poesia di Rudyard Kipling

Se saprai mantenere la testa quando tutti intorno a te
la perdono, e te ne fanno colpa.
Se saprai avere fiducia in te stesso quando tutti ne dubitano,
tenendo però considerazione anche del loro dubbio.
Se saprai aspettare senza stancarti di aspettare,
O essendo calunniato, non rispondere con calunnia,
O essendo odiato, non dare spazio all’odio,
Senza tuttavia sembrare troppo buono, né parlare troppo saggio;

Se saprai pensare, senza fare del pensiero il tuo scopo,
Se saprai confrontarti con Trionfo e Rovina
E trattare allo stesso modo questi due impostori.
Se riuscirai a sopportare di sentire le verità che hai detto
Distorte dai furfanti per abbindolare gli sciocchi,
O a guardare le cose per le quali hai dato la vita, distrutte,
E piegarti a ricostruirle con i tuoi logori arnesi.

Se saprai fare un solo mucchio di tutte le tue fortune
E rischiarlo in un unico lancio a testa e croce,
E perdere, e ricominciare di nuovo dal principio
senza mai far parola della tua perdita.
Se saprai serrare il tuo cuore, tendini e nervi
nel servire il tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,
E a tenere duro quando in te non c’è più nulla
Se non la Volontà che dice loro: “Tenete duro!”

Se saprai parlare alle folle senza perdere la tua virtù,
O passeggiare con i Re, rimanendo te stesso,
Se né i nemici né gli amici più cari potranno ferirti,
Se per te ogni persona conterà, ma nessuno troppo.
Se saprai riempire ogni inesorabile minuto
Dando valore ad ognuno dei sessanta secondi,
Tua sarà la Terra e tutto ciò che è in essa,
E — quel che più conta — sarai un Uomo, figlio mio!

Poesia sulla Vita 

2- poesia sulla vita di William Ernest Henley

al profondo della notte che mi avvolge,
buia come il pozzo più profondo che va da un polo all’altro,
ringrazio gli dei chiunque essi siano
per l’indomabile anima mia.
Nella feroce morsa delle circostanze
non mi sono tirato indietro né ho gridato per l’angoscia.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
il mio capo è sanguinante, ma indomito.
Oltre questo luogo di collera e lacrime
incombe solo l’orrore delle ombre,
eppure la minaccia degli anni
mi trova, e mi troverà, senza paura.
Non importa quanto sia stretta la porta,
quanto piena di castighi la vita.
Io sono il padrone del mio destino:
io sono il capitano della mia anima.


3- Goethe

C’è una verità elementare, la cui ignoranza uccide innumerevoli idee e splendidi piani: nel momento in cui uno si impegna a fondo, anche la provvidenza allora si muove. Infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti non sarebbero mai avvenute… Qualunque cosa tu possa pensare di fare o sognare di poter fare incominciala. L’audacia ha in sé genio, potere e magia. Incomincia adesso. 


Iscriviti alla newsletter e impara le strategie per diventare più felice 

[wysija_form id=”2″]


Poesie sulla Vita: Le più Belle 

poesia sulla vita

poesia sulla vita di Madre Teresa di Calcutta

4poesia sulla vita di Madre Teresa di Calcutta:

La vita è un’opportunità, coglila,
la vita è bellezza, ammirala,

La vita è beatitudine, assaporala,
La vita è un sogno, realizzalo,

La vita è una sfida, affrontala,
La vita è un dovere, compilo,

La vita è un gioco, giocalo,
La vita è una promessa, mantienila

La vita è dolore, superalo
La vita è una canzone, cantala

La vita è una lotta, accettala
La vita è un’avventura, sfidala

La vita è fortuna, creala
La vita è troppo preziosa, non distruggerla

La vita è vita, difendila


Iscriviti al mio canale Youtube per apprendere le strategie pratiche per cambiare rapidamente la tua vita. Lo trovi qui: “Canale Youtube


5Poesia di Selene Ruggiero

Non saprei, se mi si domandasse cosa è la vita per me.

Potrei, forse, raccontare di quelle volte in cui mi è capitato di scorgerla tra le pieghe disordinate della mia mente.

 

Quella volta.. 
In cui la sentìì scivolare dal bordo dei miei occhi mentre sussurravo al mare, o quella in cui mi sorprese carponi a pregare nella terra e d’ improvviso si paleso’ in un’ abbondanza senza pari di forme e colori.

 

Quella volta.. 
In cui per la prima volta, la invitai a volteggiare insieme a me sulle note di cristallo del silenzio di una stanza piena di sole.

 

Mi afferrò per la mano un giorno.. 
Distrattamente, attraverso la ruvida superficie di una pelle invecchiata dal tempo e dal sole. Mi narro’ di volti, luoghi e tempi remoti, finché le parole si persero nell’ aria come un ricordo lontano e rimase solo il suono roco e sapiente della sua voce, ed io, ubriaca di bellezza mi sentii espandere in un’ unica parola: grazie.

 

Ci andai a sbattere una notte.. 
Durante una corsa verso il niente, inseguendo un vuoto desiderio. Fu la mia dura maestra.
Mi sussurrò meraviglie un’ altra notte..
Attraverso lo strusciarsi di piante al vento e il miagolio insistente di un gatto sull’asfalto bagnato. Ripeté il messaggio più forte attraverso la pioggia, crederti di aver capito.
Mi sorrise nello specchio.. 

 

Mi bastava aprire gli occhi per incontrarla ancora. 

 

Poesie sulla Vita Famose 

poesie sulla vita

6- Khalil Gibran

I tuoi figli non sono figli tuoi.
Sono i figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo ma non li crei.
Sono vicini a te, ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore,
ma non le tue idee.
Perché loro hanno le proprie idee.
Tu puoi dare dimora al loro corpo,
non alla loro anima.
Perché la loro anima abita nella casa dell’avvenire,
dove a te non è dato di entrare,
neppure col sogno.
Puoi cercare di somigliare a loro
ma non volere che essi somiglino a te.
Perché la vita non ritorna indietro,
e non si ferma a ieri.
Tu sei l’arco che lancia i figli verso il domani.


7- Scritta da Paulo Coelho

Le persone vengono nella tua vita per una ragione, per una stagione o tutta la vita.Quando saprai perché, saprai cosa fare con quella persona.Quando qualcuno è nella tua vita per una ragione, di solito è per soddisfare un bisogno cha hai espresso.

Sono venuti per assisterti attraverso una difficoltà, per darti consigli e supporto, per aiutarti fisicamente, emotivamente o spiritualmente. Possono sembrare come un dono del cielo e lo sono. Loro sono li per il motivo per cui tu hai bisogno che ci siano.

Quindi, senza nessuno sbaglio da parte tua o in un momento meno opportuno, questa persona dirà o farà qualcosa per portare la relazione a una fine. Qualche volta loro muoiono. Qualche volta se ne vanno. Qualche volta si comportano male e ti costringono a prendere una decisione. Ciò che dobbiamo capire è che il nostro bisogno è stato soddisfatto, il nostro desiderio realizzato, il loro lavoro è finito. La tua preghiera ha avuto una risposta e ora è il momento di andare avanti.

Alcune persone vengono nella nostra vita per una stagione, perché è arrivato il tuo momento di condividere, crescere e imparare. Loro ti portano un esperienza di pace o ti fanno ridere. Possono insegnarti qualcosa che non hai mai fatto. Di solito ti danno un incredibile quantità di gioia. Credici, è vero. Ma solo per una stagione!

Le relazioni che durano tutta la vita ti insegnano lezioni che durano tutta la vita, cose che devi costruire al fine di avere delle solide fondamenta emotive. Il tuo lavoro è accettare la lezione, amare la persona e usare ciò che hai imparato in tutte le altre relazioni e aree della tua vita.Si dice che l’amore è cieco ma l’amicizia è chiaroveggente.
E’ bello essere parte di una vita, che sia per una stagione o tutta la vita.


Poesie sulla vita

poesia sulla vita 

8- Scritta da Gandhi

Prendi un sorriso,
regalalo a chi non l’ha mai avuto.
Prendi un raggio di sole,
fallo volare là dove regna la notte.
Scopri una sorgente,
fa bagnare chi vive nel fango.
Prendi una lacrima,
posala sul volto di chi non ha pianto.
Prendi il coraggio,
mettilo nell’animo di chi non sa lottare.
Scopri la vita,
raccontala a chi non sa capirla.
Prendi la speranza,
e vivi nella sua luce.
Prendi la bontà,
e donala a chi non sa donare.
Scopri l’amore,
e fallo conoscere al mondo.


Poesia sulla Vita 

9-  testo scritto da Sam Harris:

“La morte è una realtà onnipresente per noi, sia che vogliamo pensarci o meno.

È sempre lì, nel sottofondo delle nostre giornate.

Ne sentiamo parlare al telegiornale, ne sentiamo discutere tra i nostri conoscenti, ne sentiamo la presenza quando ci preoccupiamo della nostra stessa salute.

La morte è tra i meandri dei nostri pensieri anche quando semplicemente prestiamo attenzione per attraversare la strada.

Eppure ci spaventa prenderne consapevolezza. Ci spaventa parlarne. Ci spaventa farci i conti.

Preferiamo di gran lunga dedicare il nostro tempo e le nostre energie mentali al gossip, a futili liti e ai social media.

Non voglio certo suggerire che qualsiasi cosa pensiamo o facciamo debba essere profonda o solenne, ma contemplare la brevità della nostra vita può aiutarci ad avere una prospettiva diversa su come investiamo i nostri pensieri.

Ho detto “come” e non “cosa”.

Più che l’oggetto della nostra attenzione, a contare infatti è la qualità della nostra attenzione.

È come ci sentiamo mentre svolgiamo queste attività (qualsiasi attività), perché in fondo nessuno di noi sa quanto tempo ha ancora a disposizione.

Prenderne coscienza ci dà chiarezza ed energia per vivere il momento presente, ma soprattutto ci fa smettere di soffrire per cose stupide.

Prendete ad esempio le arrabbiature nel traffico.

Sono forse la quintessenza dello spreco delle nostre energie mentali.

Siamo dietro al volante della nostra auto e qualcuno fa una manovra azzardata o semplicemente guida lentamente, e noi ci ritroviamo invasi dalla rabbia.

Se avessimo davvero consapevolezza della brevità della nostra vita, arrabbiarci per un episodio del genere ci apparirebbe subito per quel che è: un’assurdità.

Avere una profonda coscienza della morte, infatti, ci fa comprendere quanto prezioso sia ogni singolo istante, anche questo preciso instante mentre siamo alla guida.

Questo meraviglioso momento presente in cui siamo nel pieno delle nostre abilità e non in un letto di ospedale storditi dalla morfina.

Questo momento in cui il sole risplende in cielo o la pioggia cade leggera sul parabrezza della nostra auto, ed è tutto semplicemente perfetto.

Le persone che amiamo sono ancora vive e noi stiamo guidando.

Stiamo guidando lungo le strade di un paese civilizzato, un paese che non soffre per la fame o la guerra.

Magari stiamo sbrigando una banale commissione e la persona davanti a noi, di cui non conosciamo speranze o sofferenze (che potrebbero essere sorprendentemente simili alle nostre), sta semplicemente guidando con lentezza.

Questa è la nostra vita.

L’unica che ci è concessa. Non avremo mai questo momento indietro e non sappiamo quanti di questi momenti potremo ancora vivere. Non importa quante volte abbiamo ripetuto una determinata azione, arriverà un giorno in cui la faremo per l’ultima volta.

Ogni singolo istante è dunque un’opportunità per tornare ad innamorarci della nostra esistenza, e allora perché non rilassarci e goderci la nostra vita?

Rilassiamoci, sul serio.

Anche nel mezzo delle difficoltà. Mentre stiamo lavorando duramente. Anche nei periodi di incertezza.

Siamo in un gioco in questo momento e non possiamo vedere il timer, quindi non sappiamo quanto tempo ancora abbiamo per giocare.

Eppure abbiamo la possibilità di rendere questo gioco estremamente interessante.

Possiamo addirittura cambiare le regole.

Possiamo scoprire nuovi modi di giocare a cui nessuno aveva ancora pensato, possiamo giocare in modi che finora sono stati considerati impossibili.

Ma qualsiasi cosa scegliamo di fare, per quanto ordinaria possa sembrare, possiamo apprezzare la rarità di ogni singolo istante della nostra vita.

E la consapevolezza della morte è la strada maestra per vivere la nostra esistenza con questo spirito.”


10- Concludo questa raccolta sulle poesie sulla vita con questo testo di Selene Ruggiero: 

Era una semplice frase di un ordinario discorso davanti a un quotidiano caffè.

 

Smisi di parlare, guardai fuori lasciando scivolare la semplice frase sull’ ombrellino di una salta pozzanghere, pensai si divertisse e sorrisi.

 

” conviene non amare” disse ” ti complica la vita”.

 

Un concetto condivisibile da una mente mediamente intelligente mi fece paura. 

 

Per un istante, misi l’ amore per la vita sul piano dove stanno tutte le altre cose.. E credetti di capire cosa provasse una persona che di colpo perdeva la fede.

 

Trattenni il fiato per non respirare l’ asfissiante vuoto incolore della semplice stanza dell’ ordinaria situazione.
Mi limitai a sorridere di me stessa scoprendomi ad ammirare una formica che si avventava su un granello di zucchero. Null’ altro poteva reggere il confronto con la vita..

 

Nulla di pari bellezza.. 
tutto questo espandersi, questo, proliferare magnifico, questo evolversi senza sosta, cambiare, colmare, disfare per poi riunirsi ancora… Per la vita
Magnifico.. 

A te, quale di queste poesie sulla vita ti è piaciuta di più?

Leggi anche: