Non sono felice, cosa devo fare? Ho tutto ma non sono felice, la mia vita non è come quella che vorrei…qual’è la soluzione? 

Nella nostra società nessuno ci insegna come essere estremamente più felici…a scuola ad esempio hanno preferito insegnarci le poesie di Leopardi, o la guerra del 1230 a.C. quindi ci hanno insegnato tutto ma non quello che effettivamente serve nella vita. 

Anche se non sei felice, stai tranquillo. In questo articolo imparerai le 5 abilità da sviluppare per diventare più felice e cambiare la tua vita. Naturalmente dovrai applicarle 🙂 

I Cinque Poteri di Buddha permettono ad ogni persona che li applica di uscire dalla sofferenza e sono:

  1. Controllo della propria mente;
  2. Presenza Mentale;
  3. Consapevolezza del Cambiamento;
  4. Non Attaccamento;
  5. Amore Universale;

Vediamoli uno alla volta così finalmente smetterai di chiederti:” perché non sono felice?“. 

non sono felice

non sono felice

Perché non sono Felice

1- Controllo della propria mente: 

” Per colui il cui pensiero non divaga, per costui non esiste la paura (…) Concentrate la vostra attenzione sul vostro pensiero, osservate come esso nasce, cresce e muore, come esso è impermanente”

Per controllare la mente, afferma Buddha, è necessario Osservarla. Quindi osservare i propri pensieri diventa fondamentale. Osserva con distacco i tuoi pensieri come osservi con distacco una nuvola del cielo. Una mente che vaga da un pensiero all’altro senza sosta è l’artefice della sofferenza…perché soffrirai quando il contenuto dei pensieri che hai, sarà negativo. Il tuo obiettivo deve essere, il totale controllo di ciò che ti passa per la testa. Lo scopo alla quale devi mirare è il dominio di te stesso. 

La mente ha la particolarità di focalizzarsi continuamente al passato o al futuro, ricorda sempre qualcosa che è accaduto o anticipa ciò che potrebbe accadere…se il contenuto di questi ricordi o di queste anticipazioni è negativo allora soffrirai. 

Se la tua mente torna continuamente a ripensare: 

  • al dispetto che ti ha fatto un tuo collega; 
  • a qualcosa di brutto che ti è successo; 
  • a cosa può accaderti di negativo; 
  • all’esame andato male; 
  • alla relazione con la tua ex, finita; 

allora soffrirai. 

La mente deve essere gestita e disciplinata. Altrimenti si comporterà come una scimmietta e passerà da un pensiero all’altro senza sosta.  

Quindi alla domanda:”Non sono felice, cosa devo fare?” Sicuramente una prima parte della risposta è :”impara a focalizzare la tua mente su ciò che vuoi e non permetterle di pensare a ciò che non vuoi o a ciò che di negativo è accaduto nella tua vita”

Ecco un esercizio utilissimo: Per una settimana pochi minuti ogni giorno, ritagliati del tempo, dove osservi i tuoi pensieri senza identificarti con il loro contenuto.

Per approfondire ti rimando all’articolo:” Pensieri Ossessivi: Come Liberarsene per Sempre


Ricevi subito nella tua email, le 4 strategie per triplicare la tua felicità

[wysija_form id=”2″]


2- Presenza Mentale 

 Non indugiare sul passato; non sognare il futuro, concentra la mente sul momento presente”

Tutta la sofferenza non è altro che un eccesso di pensieri legati al passato. Tutte le ansie e le paure sono un eccesso di pensieri rivolti al futuro.

Creiamo la sofferenza principalmente: 

  • non accettando ciò che è accaduto; 
  • parlando e ripensando continuamente a cosa ci ha fatto soffrire; 

Per evitare che la mente vaghi pensando ripetutamente a qualcosa di triste, bisogna imparare a vivere il “momento presente”. 

Sull’importanza di vivere il momento presente ti rimando a questo articolo: “Cos’è il Qui e Ora“. 

Nella nostra cultura non viene data nessuna importanza a ciò che è invisibile eppure i pensieri, che non sono visibili, possono limitare o migliorare enormemente la qualità della tua vita. 

non sono felice

Una persona infelice mette in atto questi comportamenti:

  • pensa spesso a cose tristi; 
  • si immagina e si aspetta che le cose gli andranno sempre male; 
  • pensa spesso a ciò che gli è accaduto nel passato; 
  • parla continuamente dei suoi problemi oppure ci pensa; 
  • non supera mai le sue paure; 
  • non si ama; 
  • frequenta persone infelici; 

Una persona felice invece:

  • si aspetta che da un momento all’altro gli accada qualcosa di bello; 
  • supera le sue paure; 
  • parla dei suoi progetti futuri solo con chi lo ama veramente; 
  • ringrazia spesso la vita per ogni piccola cosa; 
  • ammira e benedice; 

La base per diventare più felice consiste nello smettere di pensare continuamente al passato o al futuro e imparare a vivere il momento presente. Godere di ogni piccola cosa che il presente, ti dona. 

Nell’ebook: ” La Felicità è una Scelta trovi un anno di esercizi per imparare a vivere il momento presente

Non Sono Felice 

3- Consapevolezza del Cambiamento 

Non esiste persone, evento o situazione che rimane sempre uguale a se stessa. Tutto cambia continuamente. Nulla è permanente. L’impermanenza delle cose è necessaria all’evoluzione.

  • Se un chicco di riso non fosse impermanente, non si trasformerebbe in una piantina;
  • Grazie all’impermanenza, un bambino diventa un adulto;
  • Se una nuvola non fosse impermanente, non esisterebbe la pioggia;

Come ho scritto nel post:La Guida Definitiva per Smetterla di Soffrire

Più ti “attacchi” a come vuoi che le cose restino e più soffri-

Tutto è in continua evoluzione e in costante cambiamento. Nell’universo tutto cambia. Non esistono né persone e né eventi che restano uguali a se stessi.
Devi avere la consapevolezza che la tua vita è in costante cambiamento, il rapporto con il tuo partner cambia, il rapporto con le persone che conosci cambia, i tuoi gusti cambiano, cambiano le situazioni intorno a te e anche le persone che ti circondano. Quindi più ti “attacchi” a come vuoi che le cose restino e più soffri

non sono felice

non sono felice

La realtà è in continuo cambiamento. Il nostro corpo cambia continuamente, così come tutto ciò che ci circonda. Perciò se tutto cambia…io non posso “attaccarmi” a nulla. Altrimenti soffro.

Più ti “attacchi” a situazioni o a persone, e più soffri. Ma a farti soffrire è soprattutto la tua idea di come le cose dovrebbero essere.

Mantieni costante in te la consapevolezza che tutto cambia e ridurrai la tua sofferenza. 


Ricevi subito nella tua email, le 4 strategie per triplicare la qualità della tua vita

[wysija_form id=”2″]


4- Non Attaccamento 

Uno dei motivi per cui le persone soffrono è per via dell’attaccamento che hanno riguardo ad oggetti e a persone. 

Se pensi spesso:” Non sono felice” allora chiediti:”Quali attaccamenti a cose o a persone ho?

Anche se hai firmato un pezzo di carta, che afferma che un centinaio di ettari di terreno sono tuoi…in realtà quel terreno non ti appartiene. Tanto è vero che quando morirai non potrai portarlo con te. Non puoi portare nulla con te nella morte , perché tutto ciò che utilizzi appunto non è tuo e non ti appartiene. Ti viene donato per la tua evoluzione ma non puoi possederlo nel modo in cui ti è stato erroneamente insegnato.

Ora applica questo concetto al tuo partner (e a tutto il resto) , quindi non ti appartiene ma è un dono dell’Esistenza. Pensarla in questo modo, ti dona un enorme beneficio: quando qualcosa ti viene rubato, sottratto o una relazione finisce…non cadi in depressione perché sai che nulla di realmente tuo ti è stato tolto.

Quando ci attacchiamo a qualcosa, con uno sguardo più attento, si nota la similitudine con il comportamento che adottano gli animali quando fanno la pipì su un territorio, per marcarlo e affermarne la proprietà.

Non possiamo possedere nulla perché tutto ciò che abbiamo ci è stato donato in prestito dalla Vita.

Pensarla in questo modo ti permette di non-attaccarti a ciò che possiedi e quindi non soffrirai quando perderai o qualcuno ti ruberà un particolare oggetto. 

5- Amore Universale 

Anche l’idea di Amore che ci hanno insegnato è assolutamente falsa e limitante. Il vero Amore consiste nell’Amare in Modo Incondizionato. Invece noi mettiamo delle condizioni a tutto.

Quando dico:”invito Caio, al mio compleanno perché lui mi ha invitato al suo” questo non è volere davvero bene a Caio, ma lo invito solo ed esclusivamente perché lui ha invitato me.

Se non mi avesse invitato, io non lo inviterei. Quindi il mio affetto nei suoi confronti è condizionato dal suo comportamento. Se si comporta bene allora tutto a posto, se si comporta male il mio affetto per lui finisce. L’amore vero è l’opposto di questo modo di pensare perché è incondizionato.

Chi fa le cose in modo condizionato naturalmente soffre più degli altri. Anche perché avrà molte aspettative  e sarà triste quando queste non si realizzeranno 

Non sono felice 

Abbandona il culto della tristezza.non sono felice

Il vittimismo patologico dilaga nella nostra società ed è il metodo principale che le persone utilizzano per vivere nella sofferenza. Tuttavia loro non sanno che lamentarsi e comportarsi da vittima peggiora la loro vita. Credono che ciò che pensano e ciò che fanno non influenza per niente la qualità della loro esistenza. Il vittimismo patologico dilaga sempre di più tra i giovani che ormai hanno come unica ambizione quella di ubriacarsi il sabato sera.

Vedere questa situazione, quando ognuno di noi ha un potenziale immenso dentro di sé, non può non far pensare che il cambiamento deve ripartire da ognuno di noi. 

Smettila di dirti:” Non sono felice” e datti da fare per cambiare, rendi felice le altre persone e automaticamente diventerai più felice anche tu. 

Ciò che più di tutto manca nelle persone, sono due elementi in particolare:

  • La Consapevolezza del loro Vero Potenziale;
  • La Conoscenza giusta che permette di esprimere questo potenziale;

La maggior parte delle persone, non conosce il modo per migliorare la propria vita. Non conosce cosa dovrebbe fare per “sintonizzarsi alla frequenza” della Felicità che è dentro di noi. Per questo motivo ho creato un video-corso di 3 ore e mezza per spiegarti nel dettaglio determinate dinamiche che ti permettono di fare il salto di qualità.

Te lo ripeto: La felicità è dentro di te, non cercarla altrove. Se non trovi la felicità in te, non potrai trovarla da nessun’altra parte.

Non spetta al tuo partner renderti felice. Non è responsabilità della tua famiglia renderti felice. I tuoi figli non sono su questo pianeta per renderti felice. Né il governo e né gli eventi esterni hanno il compito di renderti felice.

La totale responsabilità per la tua felicità è solamente tua. Se tu, non fai della felicità, la tua priorità….nessun’altro potrà farlo per te.

Questo concetto che è alla base di tutto…probabilmente sono il primo che te lo dice.

  • A scuola non ti insegnano ad essere più felice;
  • Non te lo insegnano nemmeno a casa;
  • Neppure in tv o su netflix;

Ecco perché ho deciso di racchiudere dei concetti rivoluzionari in un video-corso ma la verità è che queste cose avrebbero dovuto insegnartele a scuola.

Tuttavia non è per tutti.

Non è per chi non ama darsi da fare.

Non è per chi è convinto che la sofferenza sia un Dio da adorare ogni giorno…soffrendo.

E non è per chi è convinto che sia meglio cercare facili scorciatoie e bacchette magiche invece che prendere in mano il proprio destino. Non conosco nessuna scorciatoia.

È per tutte le persone che hanno deciso al 200% di voler cambiare il proprio destino e raggiungere la felicità che meritano

È nel momento delle decisioni che si plasma il tuo destino.

Prendi la tua copia di:Nati per Essere Felici” e smetterai oggi stesso di ripeterti:” non sono felice